Home » Comune di Torino » Torino, in via di allestimento un “Festival delle Culture e delle Lingue della Città

Torino, in via di allestimento un “Festival delle Culture e delle Lingue della Città

di Gaiaitalia.com

 

 

 

 

 

 

Un non meglio identificato “Festival delle culture e delle lingue della città” raccoglierà in un unico palinsesto tutte le ricorrenze più importanti delle tante comunità linguistiche, religiose e culturali che convivono a Torino, allo scopo di farle emergere e di condividerle, per trasformarle in feste di tutta la città.

E’ l’ampolloso annuncio dell’assessore Marco Giusta regalato in margine alle celebrazioni per la ricorrenza delle “Lettere patenti” organizzata giovedì scorso dalla Chiesa Valdese in piazza Castello. Chi si aspettava un festival culturale legato proprio alla “Cultura” in modo più specifico rimane basito di fronte alle parole di Giusta: “Ogni comunità è invitata a ‘mettere in comune’ le proprie ricorrenze, sia laiche sia religiose, per trasformarle in occasioni di dialogo con gli altri cittadini e cittadine torinesi, favorendo così la conoscenza e il confronto, unici strumenti utili a superare le divisioni e a permettere a tutte e tutti di sentirsi parti integranti della Città”

Come è avvenuto con la festa valdese, che ha riunito sotto la stessa bandiera altre associazioni e gruppi che si battono per i diritti civili, per il Capodanno cinese domenica scorsa, quando le sei associazioni di cittadine e cittadini cinesi hanno realizzato un’unica sfilata nel centro di Torino, o come capita da anni con la festa di chiusura del ramadan islamico, le comunità e l’Amministrazione possono unire le forze per realizzare un evento che possa diventare una festa di tutta la città. Il Comune di Torino produrrà un palinsesto che comprenderà le ricorrenze citate, ma anche il Divali, la Giornata delle cultura ebraica, la Festa del Sacrificio islamica e le tante altre proposte da comunità residenti in città, se accetteranno di aderire all’iniziativa. È in prospettiva la costruzione di un evento finale che permetta l’incontro a tutte le comunità in un’unica grande festa della solidarietà. Che detto così, lascia spazio a qualche dubbio sull’effettvia possibilità di realizzare l’evento e sulla sua capacità di incidere nella vita della città. Per fortuna Giusta conclude che “Il palinsesto è in via di definizione e le comunità cittadine sono invitate a condividere questo importante sforzo comune, un’occasione di cittadinanza attiva che diffonde, attraverso la conoscenza, gli embrioni benefici della convivenza civile”.

Di quale conoscenza, di quali iniziative, al di là dell’aspetto religioso della possibile manifestazione futura, non ci è dato sapere. Dalla fumosità a 5Stelle non si esce.

 

 

(21 febbraio 2017)

 




 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi