Home » notizie » “Lovers Film Festival” Torino LGBTQI Visions, al via il 15 giugno

“Lovers Film Festival” Torino LGBTQI Visions, al via il 15 giugno

di Mirko Saporita

 

 

 

 

Torino dopo aver aperto in ribasso il mese di giugno con la spiacevole psicosi di piazza San Carlo, il 15 giugno si apre all’amore omosessuale con il “Lovers Film Festival” Torino LGBTQI Visions. A soffiare sulle 32 candeline –la ancor più giovine– Irene Dionisio, 31enne regista e direttrice artistica di questa edizione del festival.

La conferenza tenutasi al Museo Nazionale del Cinema è avvenuta un po’ in sordina, ma la “mole di ringraziamenti” da e verso gli sponsor per conto di ben 3 assessori simboleggia la fiducia reciproca e le grandi aspettative nei confronti del programma che si prefissa di sensibilizzare cinofili e non della capitale culturale alla questione LGBTQI.

In foto a destra vediamo il Presidente Fondatore del Festival Giovanni Minerva, ammirare la sua “pupilla” nel regalarci qualche numero di rilievo: saranno presenti ben 56 titoli italiani in anteprima,  che sommato agli altri in programma da tutta Europa raggiunge un totale  83 titoli. Quattro premi in denaro con rispettivi contest e giuria scelta dalla Direttrice Artistica stessa, 21 cortometraggi, 7 docufilm, 100 ospiti (di cui un terzo stranieri, con personalità provenienti dal Festival di Cannes, di Berlino etc.).

Il Lovers Film Festival si fa portavoce di 31 nazioni; vorremmo pertanto sottolineare lo sforzo di fornire uno scorcio sulla questione di genere a livello internazionale, offerto già alla prima serata dalla proiezione della versione restaurata di The Watermelon Woman di Cheryl Dunye (film del 1996 che propone una delle prime rappresentazioni dalla realtà fatta di abusi di alcune donne lesbiche in Africa).

Cionondimeno saranno presenti anche vari omaggi al mondo della musica italiana ed estera con le lettere di Lucio Dalla e uno storyteller della vita di George Michael. Accompagna musicalmente la voce di Violante Placido, con il Gnu Quartet.

Il programma, così vasto, si estenderà fino al 20 giugno, dove presso i Magazzini sul Po, si esibiranno i rinomati Oh My God! It’s the Church, resident band a Gastonbury e di altri festival europei LGBT.

 

 

(7 giugno 2017)




 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

 

Lascia un Commento

Server dedicato

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi