Home » notizie » Piemonte e Valle d’Aosta insieme per la “Notte dei Ricercatori”

Piemonte e Valle d’Aosta insieme per la “Notte dei Ricercatori”

di Gaiaitalia.com, #Torino

 

Il 29 settembre 2017 torna, contemporaneamente in tutta Europa, la Notte Europea dei Ricercatori, la grande manifestazione promossa dalla Commissione Europea per far conoscere il mestiere del ricercatore in un’atmosfera informale e divertente. Il Piemonte e la Valle d’Aosta ospitano la dodicesima edizione dell’evento grazie al progetto biennale CLoSER – Cementing Links between Science&society toward Engagement and Responsibility, che nel 2016 ha superato la selezione della Commissione Europea all’interno del Programma Quadro per la Ricerca e l’Innovazione Horizon2020. La Notte Europea dei Ricercatori in Piemonte e Valle d’Aosta coinvolge le città di Alessandria, Asti, Biella, Cuneo, Torino, Verbania e Aosta ed è organizzata da Università degli Studi di Torino, Politecnico di Torino, Università del Piemonte Orientale, Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, Associazione CentroScienza Onlus e Creativa-impresa di Comunicazione. Il progetto è coordinato da Agorà Scienza e si svolge nell’ambito del Sistema Scienza Piemonte. L’iniziativa è realizzata con il sostegno di Compagnia di San Paolo e con il contributo di Fondazione CRT e Camera di Commercio di Cuneo.

A Torino la Notte Europea dei Ricercatori si svolgerà in Piazza Castello e in moltissimi musei della città. La manifestazione si aprirà ufficialmente alle 17 in Piazza Castello con i saluti dei rappresentanti degli atenei e delle istituzioni coinvolte. A seguire giochi, esperimenti, mostre e spettacoli non stop fino alle 24. Sono 1500 le ricercatrici e i ricercatori pronti a condividere con il pubblico la passione per il loro lavoro e la curiosità verso il mondo che ci circonda attraverso le oltre 100 attività proposte.

La novità di questa edizione sono i quattro i percorsi tematici che si snodano tra gli stand in piazza Castello: Scienza e tecnologia condurrà il pubblico in un viaggio dalla fisica astroparticellare allo smartphone in sella alla bici più veloce del mondo. Sulla strada di Salute e medicina il grande protagonista è il cervello umano: osservato e studiato da diversi punti di vista riesce ancora ad essere un mistero. Per i fan di Ambiente e sostenibilità sarà possibile mettersi alla prova misurando la propria impronta ecologica e poi imparare i trucchi per ridurla. Percorrendo la via Società e cultura sarà come tuffarsi nell’Antica Grecia, diventando archeologi per una notte, per riemergere nell’India di Bollywood. L’innovazione tecnologica è il tema trasversale a tutti i percorsi. Il Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica del Politecnico presenterà l’Earthquake Simulator with Augmented Reality, una piattaforma che riproducendo virtualmente un terremoto permette di testare su prototipi di piccola scala sistemi diversi di adeguamento sismico. Con l’ausilio della realtà aumentata, inoltre, i ricercatori sono in grado di analizzare e monitorare il comportamento umano durante un evento sismico. Il Dipartimento di Energia del Politecnico porterà in piazza ATPC – Active Tire Pressure Control, il prototipo di un sistema intelligente di bordo per automobili pensato per gestire automaticamente la pressione di gonfiaggio degli pneumatici, adattandola alle condizioni di utilizzo del veicolo ed evitando così il consumo superfluo di combustibile. I ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Università proporranno invece uno sguardo diverso sulle nuove tecnologie: grandi e piccoli avranno l’occasione di confrontarsi, attraverso un gioco, sui rischi di un uso inadeguato di app e social network e, in particolare, sul tema delicato del cyberbullismo. Robot e video storytelling è l’accoppiata inedita studiata a fini educativi dai ricercatori di Cinedumedia – Università di Torino: il pubblico della Notte potrà cimentarsi nella regia di un cortometraggio e, anziché attori in carne e ossa, dirigerà dei mini-robot.

La Notte Europea dei Ricercatori è inoltre un fitto programma di eventi speciali che animeranno la città fino a mezzanotte. Dalle 16.30 ragazzi dai 9 ai 14 anni gareggeranno nel Rally della Scienza. Per gli appassionati di realtà aumentata due proposte dal Torino Living Lab Campidoglio: l’esperienza immersiva di una Virtual Room (allestita in via Bonafous 4, sede del Virtual Lab di Utopia srl) e la visita guidata tra reale e virtuale a Borgo Campidoglio in collaborazione con il Museo Diffuso della Resistenza. Torna lo storico Tram della Scienza, il laboratorio mobile della Notte: la prima corsa parte alle 19:30 da Piazza Castello. Arte e neuroscienze si contamineranno nella mostra interattiva L’arte della Ricerca a cura della Fondazione AriSLA in collaborazione con l’artista Aqua Aura e i ricercatori dell’Università di Torino (dalle 17 a ingresso libero, Hotel Golden Palace), mentre l’INRiM propone l’incontro dal titolo Le Meraviglie di Einstein: onde Gravitazionali, spazio e orologi atomici (ore 19.00, Sala Biblioteca – Circolo dei Lettori, via Bogino 9). Ricercatori e studenti del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università sfideranno il pubblico nel primo esperimento di una maratona dantesca: a partire dalle 17, in piazza Castello, canto dopo canto chiunque potrà mettersi alla prova con l’Inferno della Divina Commedia. Annullati gli spettacoli serali previsti in Rettorato: Biblio-Musical Show, La Nascita Della Lettura Silenziosa e Cellule Scienziate.

Sono sempre più numerosi i musei che partecipano alla Notte offrendo al pubblico uno sguardo inedito su arte, storia, scienza e tecnologia. Resteranno aperti tutta la sera il Museo di Anatomia Umana, il Museo Lombroso e il Museo della Frutta (navetta gratuita da piazza Castello) e la mostra “L’infinita curiosità: un viaggio nell’Universo in compagnia di Tullio Regge” all’Accademia delle Scienze. Xkè? Il Laboratorio della Curiosità sarà aperto al pubblico per attività e laboratori (ore 18 – 22), su prenotazione allo 011 8129786. Il Museo Egizio conferma per la seconda volta la sua adesione all’evento, mentre le novità sono: il Museo Nazionale del Risorgimento, Palazzo Madama, il Museo della Sindone e fuori Torino il Palazzo delle Scuderie di Fondazione Cavour (Santena), la Palazzina di Caccia di Stupinigi e Infini.to, il Planetario a Pino T.se.

Per maggiori informazioni su programma, orari e prenotazioni cliccate qui.





(29 settembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

Lascia un Commento

Server dedicato

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi