Lesbofobia. Donna presa a calci, spinta giù dalle scale e presa a pugni… Orribile maschilismo

Pubblicità

Altri Articoli

CONDIVIDI

di Paolo M. Minciotti

Lei impreca contro l’ascensore che non funziona, lui esce dalla porta di casa e ne nasce una lite – l’ennesima, dopo anni di soprusi, insulti, lesbofobia, fazzoletti e carta di varia genere sporca nella cassetta delle lettere, bigliettini con offese e sconcezze sui parabrezza delle auto degli amici – e quando lei sale le scale lui le tira un calcio al torace e la fa volare dalle scale, poi quando lei tenta di risalirle la prende a pugni.

Succede ad Alessandria ad una 53enne che ha deciso di mettere la casa in vendita causa odio omofobo, signori legislatori che vi riempite la bocca di nulla, e che ha rimediato, per odio omofobo, punti di sutura, venti giorni di prognosi, un calcio al torace, un paio di pugni e tutti gli insulti possibili. Certamente l’uomo verrà denunciato, ma senza l’aggravante dell’omolesbotransfobia, che gli avrebbe garantito una pena più severa. La signora ringrazia le loro Signorie.

I fatti il 6 maggio ad Alessandria attorno alle 22.35. La donna confessa a Fanpage di essere presa di mira da anni in quel palazzo, tanto da avere deciso di vendere la sua casa.

 

(13 maggio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 



Pubblicità