La stagione estiva del Teatro degli Acerbi

SHARE

di Redazione Cultura

Il Teatro degli Acerbi continua la stagione estiva di appuntamenti teatrali in luoghi suggestivi, passeggiate e meditazioni intorno al Paesaggio, raccontato e vissuto nel progetto “Landscape StorymoversÒ – sistema integrato di narrazione del territorio” ideato da Elena Romano e Fabio Fassio.

Questa vitalità culturale in terra astigiana è realizzata con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando «In luce. Valorizzare e raccontare le identità culturali dei territori» della Missione Creare attrattività dell’Obiettivo Cultura, che mira alla valorizzazione culturale e creativa dei territori di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta rendendoli più fruibili e attrattivi per le persone che li abitano e per i turisti, in una prospettiva di sviluppo sostenibile sia sociale sia economico.

Sono in corso lo “Storymoving Festival” con la sezione “Le Cascine e i Castelli” e la sezione “Trilogia degli Spaesati: racconti epici di gente semplice”, con serate nei paesi dei Comuni partner del progetto.

Domenica 10 luglio alle 21,30 a Incisa Scapaccino nel suggestivo Borgo Villa, in piazza Garibaldi, il secondo di nove appuntamenti ad ingresso gratuito del nuovo spettacolo “Trilogia degli Spaesati” tra reading e musica popolare, per portare le comunità a teatro nei luoghi della propria quotidianità.

Sarà la volta del “Capitolo della Luna Crescente”, con la musica dal vivo di Ricky Avataneo e gli attori Fabio Fassio, Massimo Barbero e Patrizia Camatel.

E’ il momento per seminare, quello della crescita, dell’abbondanza, delle promesse e delle speranze, delle cose di cui aver cura perché fragili e indifese, dei bambini che diventano ragazzi e dei ragazzi che si fanno uomini e magari partono per la guerra. E’ quando il bue traccia il solco e il seminatore pensa all’estate sudando ancora prima della primavera, quando basta una pioggia un po’ forte per coprire tutto di fango e la nuova vita è perduta. In questo capitolo i racconti e le canzoni della speranza, ma anche delle speranze interrotte, di tutto ciò che è in potenza e in divenire. E’ quando si imbottiglia il vino per averlo frizzante, irrequieto e imprevedibile.

Prossimo appuntamento il 14 Luglio a Bruno (in Via Lovisolo, nella piazzetta del centro storico con il “Capitolo della Luna Calante”). Per informazioni: 3334519755.

Per dettagli è possibile consultare il sito www.landscapestorymovers.it che è la piattaforma di riferimento per tutte le iniziative del percorso narrativo, oltre ai profili tematici Facebook e Instagram; analoghe informazioni sui canali di comunicazione del Teatro degli Acerbi.

 

(4 luglio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 


Pubblicità

ALTRI ARTICOLI

Torino: la Polizia di Stato arresta in centro una donna italiana. È gravemente indiziata di tentata rapina

di Redazione Torino Ad attirare l’attenzione degli agenti, impegnati nel servizio di controllo del territorio, le urla del proprietario...

Carlo Calenda, un altro addio al PD e le decisioni che durano una vita….

di Giancarlo Grassi Eccola la classe politica del futuro: fanno un accordo oggi e l'accordo domani non esiste più, accordo che...

Il 14 agosto al via la rassegna “CuntéMunfrà – dal Monferrato al mondo”

di Redazione Cultura Ritorna lo spettacolo dal vivo che trova una delle sue espressioni più popolari dell’incontro sul nostro...

“La politica smetta di ignorare gli appelli dei giovani, la questione climatica è una emergenza reale”, parola di partito politico

di Redazione Politica Si chiude a Torino il 2° meeting europeo organizzato dal movimento interazionale Fridays For Future. Cinque...