Torna “La Casa in Collina”, dal 2 al 4 settembre a Castagnole Monferrato (AT)

SHARE

di Redazione Spettacoli

“La casa in collina” si terrà anche quest’anno da venerdì 2 a domenica 4 settembre a Castagnole Monferrato (AT), su una collina del Monferrato, alla casa degli alfieri, nel momento in cui il giardino comincia a colorarsi d’autunno. Nasce da un’idea di Lorenza Zambon.

“La casa in collina” è realizzato da casa degli alfieri nell’ambito della rassegna “Cuntè Munfrà” promossa dal Comune di Castagnole Monferrato, con il contributo della Regione Piemonte, dei Comuni ospitanti, dalla Fondazione CRAsti e dalla Fondazione CRT.

Ci saranno spettacoli teatrali, installazioni, incontri. E poi il giardino, le colline ed anche il convivio.

Si comincia venerdì 2 settembre alle ore 21 con “Mancamento azzurro”, concerto poetico per Andrea Zanzotto con Vasco Mirandola, Erica Boschiero e Sergio Marchesini. Un’ azione avventurosa, musicare Andrea Zanzotto o meglio rendere in musica Andrea Zanzotto, cercando di cogliere quell’alone “dove i suoni possono dialogare con le parole per portare alla mente, al cuore, quello che la poesia dice ma non dice del tutto”.

Sabato 4 settembre alle 16,30, in giardino, la presentazione del libro “Volevo solo scriverti accanto”, un rito poetico di Vasco Mirandola con le musiche di Sergio Marchesini. In questa occasione l’autore presenterà un estratto di alcune sue opere, con particolare attenzione alle ultime pubblicazioni: “Cento Poesie in gioco per sostare poeticamente nel mondo”, ed. Campi Magnetici e “Volevo solo scriverti accanto” ed. AnimaMundi.

A seguire alle ore 17,30 lo spettacolo “Nascimenti” di e con Rossana Farinati.

Un racconto del mito greco dell’origine dell’universo che s’intreccia con la nascita di un bambino. Succede infatti, che in una notte di mezza estate, in una terra rossa di un Sud fecondo, lo “sbucar fuori” di un bambino faccia risuonare nascite primordiali come quelle della Terra, del Cielo, delle Acque.

La lingua della narrazione è un dialetto, ma non del Sud di cui racconta: il ritmo delle parole dà forma alle immagini con una nettezza e una vitalità sorprendenti, il dialetto porta l’azione e l’emozione insieme, una dentro l’altra, con una molteplicità di sfumature e di dettagli unici.

Alle 18,30 proseguono gli incontri poetici: sarà la volta di Antonio Catalano con i suoi nuovi “Racconti dell’uomo con il cappello di paglia”. A seguire, alle 19.30 la cena. Alle ore 21,30 lo spettacolo di Bradamante Teatro “Paolo dei lupi”, liberamente ispirato alla vita del biologo e poeta Paolo Barrasso che partecipò, negli anni ’70, al primo progetto per la salvaguardia del Lupo Appenninico in Italia: l’ Operazione San Francesco. In scena Francesca Camilla D’Amico, con la regia di Roberto Anglisani.

Infine domenica 4 settembre alle ore 17 la visita e presentazione de “L’Archivio vivo e sentimentale”. Un Archivio, unico nel suo genere, creato dal drammaturgo Luciano Nattino, contenente una raccolta composita e complessa che documenta oltre 50 anni di attività artistica dalla compagnia teatrale “Casa degli alfieri”.  Testimonia di un immenso patrimonio di lavoro d’arte comune, sviluppatosi tanto sul territorio di appartenenza quanto a livello nazionale ed internazionale, e conserva traccia delle più importanti collaborazioni con altri artisti ed enti.

Questa azione è parte di un progetto per la Regione Piemonte  di valorizzazione e digitalizzazione di archivi e patrimonio documentale di interesse culturale e del del progetto alfieri 50+ realizzato con il sostegno della Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando « Next Generation You».

A seguire in giardino, alle ore 18, tornano anche quest’anno gli attori Mattia Fabris e Jacopo Bicocchi della Compagnia S-legati con il nuovo spettacolo “Un al(t)ro Everest”.  Un’altra storia di montagna, una narrazione potente sulla conquista di una vetta che sarà un punto di non ritorno: un cammino impensato dentro alle profondità del legame di due alpinisti amici, Jim Davidson e Mike Price. E dopo aperitivo “sinoiro” di chiusura.

La casa in collina è alla casa degli alfieri in Regione Moriondo, località Bertolina 1 a Castagnole Monferrato (AT). Info: fb @teatro.e.natura.lorenza.zambon / fb@archiviotepo/ www.teatroenatura.net / www.archivioteatralita.it.

 

 

(29 agosto 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 


Pubblicità

ALTRI ARTICOLI

Teatro Popolare Europeo in scena con “Santo bucato!”, il 7 dicembre

di Redazione Torino Mercoledì 7 dicembre alle ore 21 a Casorzo (AT) nel Salone Verdi ci sarà lo spettacolo...

Convegno “Mafie, corruzione e ruolo degli Enti locali”

di Redazione Aosta Domani, martedì 6 dicembre 2022, alle ore 14.30, la sala Maria Ida Viglino di Palazzo regionale, ad...

Al Teatro Alfieri di Asti “La Scimmia” di Giuliana Musso, l’11 dicembre

di Redazione Spettacoli La Stagione 2022/2023 del Teatro Alfieri, realizzata dal Comune di Asti in collaborazione con la Fondazione...

Trolley Festival, il 4 dicembre a Torino le vetture storiche del trasporto tranviario

di Redazione Il Trolley Festival, evento torinese che si colloca tra le maggiori manifestazioni tranviarie a livello mondiale, con...