Home » Comune di Torino » Torino Welfare: al via percorso “partecipato” per riorganizzazione servizi comunali. Quali?

Torino Welfare: al via percorso “partecipato” per riorganizzazione servizi comunali. Quali?

di Gaiaitalia.com, #Torino

 

 

 

“L’obiettivo è quello di riorganizzare i servizi cittadini di welfare sulla base delle necessità del tempo, cioè di creare le condizioni affinché, seppure in un contesto in cui le risorse a disposizione dell’ente non aumentano di pari passo e in proporzione alla domanda, possano comunque rispondere adeguatamente alla crescente richiesta di prestazioni socio-assistenziali”. Si apre con questa frase dal buon stile, che sarebbe un’interessante incipit per un romanzo, il comunicato stampa del Comune di Torino che informa dell’avvio di un piano di “riorganizzazione” del welfare “che prevede anche il pieno coinvolgimento di coloro che, ai diversi livelli, svolgono quotidianamente la propria attività professionale nell’ambito dei servizi di welfare e il confronto con le organizzazioni che rappresentano i lavoratori e con quelle impegnate nella tutela dei diritti dei cittadini”. Il comunicato non spiega se saranno coinvolti solo coloro che si riconoscono nel M5S o anche i comuni mortali.

Secondo il comunicato stampa si tratterà di un “lavoro di squadra svolto da quattro gruppi, in rappresentanza delle varie professioni e dei servizi sociali territoriali, e da un quinto gruppo costituito da dirigenti e funzionari della Direzione comunale Politiche sociali. Entro il prossimo mese di novembre dovrà essere definito il dimensionamento degli organici che, da un lato, sarà rapportato ad indicatori di bisogno, condizione socio-economica e stato di salute degli utenti e, dall’altro, ai carichi di lavoro degli operatori. Inoltre, dovranno essere individuate sedi adeguate sotto il profilo strutturale, delle dotazioni strumentali e dei supporti informatici. Dal punto di vista dell’organizzazione macro, è già previsto che l’articolazione del settore venga pensata e realizzata per livelli interagenti e complementari:  quattro distretti sociali che, territorialmente, coincidono con i distretti sanitari dell’Asl; poli specialistici sovraterritoriali di inclusione sociale (nell’ambito della misure per il Sostegno all’Inclusione Attiva, SIA);  servizi specializzati sovraterritoriali già attivi (come il Servizio Adulti in Difficoltà) che accolgono le richieste direttamente o su segnalazione dei servizi territoriali; progetti e attività sperimentali su specifici ambiti che necessitano di competenze e professionalità specifiche (ad esempio  l’Ufficio Rapporti con Autorità Giudiziaria)”.

Qualora abbiate capito esattamente cosa i “gruppi” in questione andranno a fare e quali saranno gli obbiettivi di questo straordinario nuovo progetto della Giunta Appendino, al di là della ridondanza del comunicato, vuoto come le casse di Palazzo Civico, vi preghiamo di inviarci una traduzione. Noi siam troppo semplici per comprendere simili alture.

 

 

(11 luglio 2017)

 




 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Lascia un Commento

Server dedicato

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi