Home » notizie » Valle d’Aosta: sui rapporti finanziari tra stato e regione si brancola nel buio

Valle d’Aosta: sui rapporti finanziari tra stato e regione si brancola nel buio

di Gaiaitalia.com, #Valled’Aosta

 

 

Un comunicato stampa congiunto dei gruppi consiliari Union Valdôtaine, PD-Sinistra VdA, Movimento 5 Stelle denuncia il cattivo stato della comunicazione sulla situazione dei rapporti finanziari tra Stato e Regione. Il comunicato è pubblicato integralmente qui sotto:

“A due mesi dalla convocazione dell’adunanza dedicata alla sessione di bilancio, il Presidente della Regione e l’Assessore alle finanze brancolano nel buio”: è il commento dei gruppi consiliari Union Valdôtaine, PD-Sinistra VdA, Movimento 5 Stelle al termine della riunione della seconda Commissione che si è svolta oggi, lunedì 2 ottobre 2017, per sentire il Presidente Marquis e l’Assessore Chatrian sulla situazione dei rapporti finanziari tra Stato e Regione. “Ancora una volta – sottolineano i Consiglieri dei gruppi UV, PD-SVdA e M5S -, ci è stato recitato il solito copione che guarda al passato ma che non fornisce nessuna visione prospettica sul futuro. Il risultato è che, ad oggi, del Documento di economia e finanza regionale (DEFR) – l’atto di programmazione finanziaria dovuto per legge che doveva essere presentato al Consiglio entro il 30 giugno – non vi è traccia. Appare poi singolare che sui 144 milioni di euro che lo Stato chiede alla Regione, per parlarne, si aspetti la visita del Presidente del Consiglio dei ministri ad Aosta in occasione della Scuola per la democrazia, ma non si sia aperto un tavolo politico per una trattativa seria e concreta con lo Stato”. I gruppi consiliari denunciano quindi “l’atteggiamento totalmente irrispettoso nei confronti delle Commissioni e del Consiglio Valle che su questo tema non sono informate ed è solo grazie alle nostre sollecitazioni che il Presidente della Regione e l’Assessore al bilancio sono venuti in Commissione. A questo punto, visto il vuoto pneumatico che ci è stato rappresentato, ci chiediamo se essi stessi siano informati e sappiano cosa stanno facendo”.

 




(2 ottobre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

Lascia un Commento

Server dedicato

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi