Home » Copertina » Il razzismo non è un’opinione: a Torino un progetto e una campagna contro i crimini d’odio 

Il razzismo non è un’opinione: a Torino un progetto e una campagna contro i crimini d’odio 

di Redazione #NoRazzismo twitter@gaiaitaliacomlo #Torino

 

Da molti anni, gli episodi di cronaca ci raccontano di una crescita di fenomeni di crimini d’odio razzisti, come insulti e violenze, con un’impennata ancora più marcata negli ultimi mesi. Insulti, aggressioni verbali e aggressioni fisiche con motivazioni razziste avvengono sempre più spesso in luoghi pubblici, sugli autobus, nei mercati, ecc. Si tratta di un fenomeno troppo facilmente spiegato, e a volte giustificato, attraverso la crisi economica e sociale che investe questo Paese da oltre dieci anni; come dimostra una recente ricerca del Censis, però, i livelli di rabbia e violenza in Italia sono in costante aumento e le persone di colore o con segni visibili di diversità (il velo musulmano, per esempio) sono fra i soggetti più esposti a fare da capri espiatori.

Torino è una città basata su un modello interculturale positivo e sostenibile, che punta al dialogo e all’inclusione di tutte e tutti come motore di sviluppo e di crescita. “In questa visione, il razzismo, al pari del sessismo, della violenza di genere, dell’omofobia e di altre forme di esclusione non hanno alcun posto – ha sottolineato l’Assessore alle Pari Opportunità Marco GiustaTorino è antesignana nel nostro Paese nell’estensione dei diritti civili e di politiche di accoglienza e integrazione. Proprio per questo, è importante garantire il massimo supporto mediatico attraverso un’opportuna campagna comunicativa rivolta al grande pubblico, alla società civile e alle potenziali vittime di crimini d’odio razzisti sul tema del razzismo e del contrasto ad esso”.

“Il Razzismo non è un’opinione – è un crimine” è la campagna di comunicazione che l’Assessorato comunale ai Diritti e alle Pari Opportunità ha avviato da oggi, per sensibilizzare la cittadinanza sul tema dell’odio razzista. La campagna si inserisce nelle più ampie attività del Progetto europeo G3P Reloaded, con partner internazionali e locali, che mira a contrastare i crimini d’odio razzisti e ad aumentare il numero di denunce. Una campagna che, continua l’assessore Giusta, è “rivolta anche alle persone che sono a rischio di episodi di razzismo”.

La campagna consiste nell’affissione di materiale grafico – locandine e poster – in contesti e luoghi di grande passaggio e/o in cui crimini e discorsi d’odio sono più frequenti o quotidiani come gli sportelli di uffici pubblici e i mezzi di trasporto.

 





 

(24 dicembre  2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 


 

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi