Home » Altre Città » Torino, ammazzato perché “mi sembrava felice”

Torino, ammazzato perché “mi sembrava felice”

di G.G. #Torino twitter@torinonewsgaia #Cronaca

 

 

Voleva fare del male a qualcuno che avesse la sua età, strapparlo alla sua vita, alla sua famiglia, ai suoi bambini e lo ha scelto perché “mi sembrava felice”. Sarebbero questi alcuni degli elementi della confessione “da incubo” del 27enne marocchino presunto assassino del giovane 27enne Stefano De Leo, ammazzato ai Murazzi a Torino il 23 febbraio scorso.

Gli inquirenti hanno brancolato nel buio per settimane poi, dopo una manifestazione organizzata dal padre del giovane ucciso, improvvisamente il marocchino con cittadinanza italiana Said Machaouat si è costituito ed ha raccontato come sono andate le cose. Gli indizi da lui forniti sono “compatibili” secondo gli inquirenti, con le dinamiche dell’omicidio.

Il movente non esistrerebbe, secondo Machaouat, che avrebbe agito obnubilato da un raptus dopo una discussione vivace con un passante. Said Machaouat è senza fissa dimora ed è seguito dai servizi sociali. Si trova ora in stato di fermo.

 




 

(1 aprile 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi