Home » Alessandria » Maltempo e alluvioni da Alessandria a Genova. Fiumi esondati, strade e scuole chiuse. Vittime

Maltempo e alluvioni da Alessandria a Genova. Fiumi esondati, strade e scuole chiuse. Vittime

di I.S.#Torino twitter@torinonewsgaia #Maltempo

 

Giornata fortemente critica quella di lunedì a causa delle precipitazioni torrenziali che hanno colpito con particolare intensità l’area tra Genova ed Alessandria. La situazione di maltempo si è ulteriormente guastata nel corso della serata, con temporali forti e continui che dall’alessandrino si sono spinti fin verso l’entroterra genovese. E’ stato il colpo di grazia per molti torrenti che in poco tempo hanno superato il livello di guardia esondando in più punti; tra questi l’Orba e il Bormida nella zona di Alessandria, che hanno rotto gli argini e allagato alcuni paesi, procurando ingenti danni. Trovato morto a Capriata, nell’Alessandrino, il tassista disperso da ieri sera che partito da Genova cercava di condurre un cliente inglese, trovato invece vivo, nella zona di Serravalle; risultano invece dispersi due anziani a Mornese. Salvato dai Vigili del fuoco nel corso della notte, a Capriata d’Olba, un brasiliano rimasto aggrappato a una pianta in mezzo al torrente Orba, attraversato da un flusso tumultuoso di acqua.

Già in marcia colonne mobili di volontari della Protezione civile da Torino, Novara, Vercelli e Asti per intervenire nelle zone più critiche, tra queste l’area di Gavi, investita da frane e allagamenti. Necessaria inoltre l’evacuazione di 130 persone e la chiusura di diverse strade; chiuse anche le scuole nel capoluogo Alessandria e in altri centri. La Protezione Civile informa inoltre che sull’autostrada A21 è chiuso, causa allagamento, lo svincolo in direzione Milano della A7. Riattivata però a partire dalle ore 6 la circolazione sulle linee ferroviarie  Genova-Milano e Genova-Torino.

Impressionanti le immagini che provengono anche dalla sponda ligure, anch’essa colpita da violente bombe d’acqua; la situazione è diventata particolarmente critica in serata tra Valle Stura, Valle Scrivia e Val Lemme, con diverse frane, esondazioni ed allagamenti. A Rossiglione, sul versante padano del genovese, un edificio con una trentina di persone è stato fatto evacuare a causa di una frana caduta nelle immediate vicinanze; diverse zone anche di Novi Ligure sono state sommerse dall’acqua.

La Protezione civile sta continuando a monitorare il livello del fiume Tanaro e del Bormida – che nel corso della notte ha raggiungo il livello critico di 9,2 metri – i quali attualmente non destano preoccupazioni, essendo tornati sotto i livelli di guardia. Nonostante la situazione delle zone colpite dal maltempo si presenti ancora particolarmente critica, le precipitazioni sono in definitivo esaurimento.

 

 

 

(22 ottobre 2019)

@gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 




 

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi