Home » notizie » Torino: agenti del commissariato Barriera Nizza arrestano rapinatore seriale. Le vittime riconoscono i suoi vistosi tatuaggi

Torino: agenti del commissariato Barriera Nizza arrestano rapinatore seriale. Le vittime riconoscono i suoi vistosi tatuaggi

di Redazione #Torino twitter@torinonewsgaia #Cronaca

 

Lo scorso 16 ottobre gli agenti del commissariato Barriera Nizza intervengono presso il supermercato “In’s” in via Donizetti a seguito di una rapina. Una delle dipendenti racconta ai poliziotti di aver visto un uomo avvicinarsi rapidamente alla sua cassa e, dopo esserselo trovato allo spalle, le mostra un coltello occultato nella manica della giacca, chiedendole di consegnare l’incasso. La donna, spaventata, apre la cassa. Il soggetto preleva 300 euro e fugge via. Gli operatori, grazie all’acquisizione delle immagini dell’impianto di videosorveglianza del supermercato, identificano l’uomo. Si tratta di un cittadino italiano di 35 anni, irreperibile presso il proprio domicilio. Vano anche il tentativo di rintracciarlo presso la casa dei familiari: la madre dichiarerà di non avere più notizie del figlio ormai da mesi.

Le indagini del commissariato Barriera Nizza proseguono. Gli agenti scoprono che durante la stessa giornata del 16 ottobre, il trentacinquenne era riuscito a rapinare un esercizio commerciale in via Vibò, impossessandosi della somma di 265 euro, ed aveva tentato di rapinarne un altro in Largo Cardinal Massaia, senza successo.

Le ricerche dell’uomo vengono estese su tutto il territorio nazionale.

 

 

Lunedì notte personale del Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta riconoscono il reo a bordo di un treno proveniente dalla Campania,. Gli agenti del commissariato Barriera Nizza attendono l’arrivo del convoglio a Torino Porta Nuova, ma non sono i soli: diretta verso il binario di discesa passeggeri viene vista la madre dell’uomo. Questa riferisce ai poliziotti di essere stata contattata dal trentacinquenne a seguito del controllo effettuato dagli operatori della Polfer. Ritenendo poco attendibile la versione fornita, gli agenti controllano la donna. Presso l’abitazione vengono rinvenuti i capi d’abbigliamento utilizzati dal figlio per rapinare il supermercato di via Donizetti, come mostrato dalle immagini della video sorveglianza.

Il reo, con numerosi precedenti di Polizia per reati contro la persona ed il patrimonio, è stato arrestato per rapina. Le vittime hanno subito riconosciuto l’uomo per i vistosi tatuaggi sulle mani, circostanza che, insieme alle telecamere di sorveglianza, ha permesso di contestare i diversi episodi di rapina.

 

(6 novembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi