Home » L'Opinione Torino » La Germania nazista invase la Polonia “in un afflato europeista”: la perla del leghista Bagnai

La Germania nazista invase la Polonia “in un afflato europeista”: la perla del leghista Bagnai

di Giovanna Di Rosa #Lopinione twitter@torinonewsgaia #Maiconsalvini

 

L’occasione è ghiotta per la loro velenosa propaganda, come ogni occasione è buona per la loro velenosa propaganda, e anche in occasione della votazione sulla Legge di Bilancio la Lega non ci fa mancare nulla: “In un afflato europeista il 1 settembre 1939 la Germania invase la Polonia perseguendo a modo suo, che nel frattempo è cambiato nelle forme ma non nella sostanza, l’obiettivo di una unificazione del Continente a suo uso e consumo” e il paragone con l’UE di oggi è già confezionato.

Poi la decorazione al curaro: “Voi preferite tirare a campare, meglio un sussidio oggi che la dignità domani, ed è per questo che il gruppo cui mi onoro di appartenere non vi darà la fiducia”.

E’ l’intervento in Aula del senatore leghista Alberto Bagnai, ripreso dall’ADNkronos.

Serafica la presidente Casellati. “Sto controllando una sua espressione di un paragone tra la situazione della Germania e della Polonia che non mi sembra adatto a questa situazione, comunque sto controllando, mi viene segnalato il testo”. Insorge il resto del Parlamento. Da Fratelli d’Italia silenzio.

La Lega vuole riscrivere la storia ad uso e consumo del suo progetto politico illiberale.

 

(30 dicembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi