13.7 C
Torino
martedì, Aprile 13, 2021
Pubblicità
HomeL'Opinione TorinoFaccia a faccia in streaming IPSI: Enrico Letta parla mentre Matteo Salvini...

Faccia a faccia in streaming IPSI: Enrico Letta parla mentre Matteo Salvini sgomita in difesa

Pubblicità

di Daniele Santi, #Politica

Sono stati interessantissimi sessanta minuti quelli che IPSI ha proposto in streaming live per la presentazione del suo rapporto al quale hanno partecipato, oltre al presidente Giampiero Massolo, trattavasi del Rapporto Annuale dell’Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi) intitolato Il mondo al tempo del Covid: l’ora dell’Europa?, anche Emma Bonino, Enrico Letta, Maurizio Molinari e Matteo Salviini.

Tutti interessanti gli interventi, da sottolineare alcuni passaggi di Emma Bonino, ma il clou è stato Matteo Salvini perennemente in difesa, e quindi all’attacco, con insopportabili eccessi di vittimismo, di fronte ad un francamente dialogante Enrico Letta al quale Salvini risponde sgomitando come per uscire da una trappola, quando non ne aveva bisogno, viste che alcune delle sue osservazioni erano anche condivisibili. Ciò che non sono più condivisibili sono i toni e l’essere perennemente all’attacco di qualcuno per dimostrarsi migliori degli altri. Politicamente inutile e, a lungo andare, pericoloso. Perché crea nemici ingiustificatamente.

Così quando Letta dice che non gli interessano la ragioni della giravolta, perché una giravolta opportunista è stata, della Lega neo-europeista e parla di dialogare e trovare punti in comune (usa il politichese, ma Salvini dovrebbe conoscerlo, essendo più politico di noi), il leader leghista non risponde, ma sbotta con un ingiustificabile “se si devono dare patenti di democrazia non si fa un buon servizio. L’Europa si fonda sulla libertà, non sulle scelte etiche e morali, perché questo sarebbe problematico” ed è così occupato a difendersi da inserire nel discorso delle libertà anche la Polonia, che le libertà le sta togliendo al suo popolo, non gliene sta dando di nuove. Poi, siccome all’uomo piace vincere duro, continua: “Noi non chiediamo a nessuno di fare il mea culpa, ma non si può far finta che nulla sia accaduto, che gli errori non ci siano stati” e alla banale verità dell’affermazione non si può togliere nulla.

C’è invece da riflettere su ciò che Salvini dice dopo: “Se la pandemia insegna a concentrarsi su grandi temi è un passo avanti, possono andare insieme il sovranismo e l’europeismo, coniugati dal pragmatismo alla Draghi”; Salvini non può dire “Finché c’è in sella Draghi, poi la guerra è aperta di nuovo”, perché la guerra deve ufficialmente lasciarla a Meloni all’opposizione. Lui, per ora almeno, finge di non poterla fare.

 

(29 marzo 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 




Pubblicità
Pubblicità

SEGUITECI

4,453FansMi piace
2,387FollowerSegui
115IscrittiIscriviti

DA LEGGERE

Pubblicità

ALTRE NOTIZIE

POTREBBERO INTERESSARTI

Pubblicità

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi