Pubblicità
3.8 C
Torino
0.6 C
Aosta
15.6 C
Roma
PubblicitàSouvenir Box - Forst
Pubblicità
HomeNotizieChiara Appendino perde persino quando non si candida

Chiara Appendino perde persino quando non si candida

di Giovanna Di Rosa, #Torino

Chiara Appendino è riuscita dove nessuno aveva potuto prima di lei: ha perso persino non candidandosi. Ha perso così tanto che il M5S a Torino nuota attorno al 7% e nel vuoto sembrano esser caduti i suoi appelli, quelli di Appendino, a non votare Stefano Lo Russo oggi sindaco PD della città reo di averle dato del filo da torcere dall’opposizione e poi di non avere voluto alleanze con il M5S in nessun modo.

Ad Appendino non ha insegnato nulla che nessuno abbia voluto avere a che fare, politicamente parlando, né con lei né con la sua compagna di tragiche avventure Virginia Raggi, entrambe protagoniste di fallimentari gestioni delle città che le avevano portate in trionfo? Pare di no, ma al contrario della ex sindaca di Roma, divorata dalla rabbia, Chiara Appendino ha stile ed è con un sorriso smagliante che saluta la stampa, ringrazia i collaboratori e garantisce al suo successore un rapido passaggio di consegne “come già concordato”.

Un’uscita da gran signora per Appendino che speriamo escluda in ogni caso un suo rientro alla politica attiva, dopo cinque anni che le hanno riservato solo schiaffoni – non che lei li abbia risparmiati ai torinesi che l’avevano ingenuamente votata. Per lei politica attiva, significa politica immobile.

P.S. Presto si comincerà a puntare il dito contro Giuseppe Conte, la cui unica responsabilità è di avere accettato di prendere in mano il baraccone.

 

(19 ottobre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata