…Quegli “pseudo-politicanti”, come da definizione da social, non sono finiti in parlamento grazie a un colpo di stato….

SHARE

di Paolo M. Minciotti

A seguito della decapitazione del M5S da parte di Luigi Di Maio, con l’ex Sindaca Chiara Appendino a uscirsene con dichiarazioni di tre parole che non dicono nulla tanto per rimanere fedeli a se stessi, abbiamo letto sulle nostre pagine social numerosi commenti che utilizzano il termine “pseudo-politicanti” trattandoli più o meno tutti come usurpatori di ruoli e cariche che non gli appartengono.

Va detto che Luigi Di Maio ha posto un freno, per ora, alla promiscuità politica del M5S che è stato un po’ la femme publique della politica italiana dal 2018 ad oggi facendosela un po’ con tutti: sono passati dal mai con il PD, al governo col PD; dal mai con la Lega, al tornare al governo con la Lega; dal mai con Berlusconi al darla finalmente anche a lui. E’ vero che Di Maio era già lì e in alcuni casi è stato anche l’artefice di alleanze con partiti prima odiati, ma ci sembra che oggi abbia fatto l’azione giusta al momento giusto. Poi la politica si costruisce giorno per giorno e nessuno è esente da errori.

Volevamo quindi sottolineare, a beneficio dei commentatori inferociti da social, ma anche perché va detto, che nessuno di quegli usurpatori definiti tali via social con una rabbia e una superficialità spesso eccessive è entrato in parlamento con un colpo di stato: tutti sono stati regolarmente eletti, attraverso regolari elezioni, attraverso regolare conteggio di preferenze, verifica della regolarità del voto. Non sono quindi usurpatori: stanno lì perché li hanno votati gli Italiani e sono, un po’, anche lo specchio di ciò che siamo noi.

Quando vedremo un salto di qualità nei commenti sarà facile immaginare che anche la maturità politica degli elettori avrà portato a scelte più ponderate al momento di votare: vorrebbe dire che gli Italiani hanno cominciato ad applicare alle Politiche lo stesso spirito critico che riescono a tirare fuori quando si trovano di fronte i quesiti referendari. Dunque invitiamo ad osservare questa presunta costruzione di un grande centro che guarda a sinistra e che ha potenzialmente sei leader, perché potrebbe dire molto sul futuro della politica italiana anche in senso proporzionale – e speriamo tornino anche, finalmente, le preferenze. E Di Maio, teoricamente, su questo punto non sembra disposto a cambiare idea.

 

(23 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Pubblicità

ALTRI ARTICOLI

Controlli straordinari della Polizia di Stato a Barriera Nizza

di Redazione Torino Negli scorsi giorni,  su disposizione del Questore di Torino, anche in risposta alle segnalazioni pervenute dal...

Contributi per iniziative istituzionali. Aperto il bando della Regione Piemonte

di Redazione Piemonte E’ pubblicato da oggi, 23 giugno, il bando per la presentazione della domanda di contributo ai...

Iveco, una buona notizia per la transizione ecologica dell’industria piemontese

di Redazione Politica L’annuncio di IVECO BUS di voler tornare a produrre Autobus in Italia e a Torino é...

Grande successo di pubblico per i dieci anni del Torino Jazz Festival

di Redazione Spettacoli Ottimo risultato di pubblico per tutti i concerti del festival che dall’11 al 19 giugno ha proposto 9...