Controllo del cinghiale e peste suina africana. Il comunicato del Tavolo Animali & Ambiente

SHARE

di Redazione Torino

Il Tavolo Animali & Ambiente costituito dalle associazioni ambientaliste e animaliste ENPA, LAV, LEGAMBIENTE, LIDA, LIPU, OIPA, PAN, PRO NATURA e SOS Gaia, a seguito del Consiglio Regionale aperto del 19 luglio manifesta la sua preoccupazione per la gestione della PSA.

E’ stata ripresa in Consiglio Regionale la strabiliante proposta della Conferenza Stato-Regioni di estendere da 3 a 5 mesi la caccia in braccata al cinghiale. L’enorme diffusione del cinghiale è proprio conseguenza dell’attività venatoria con i cani, con la conseguente destrutturazione dei branchi, l’allontanamento dei cinghiali dalle aree vocate, la perdita del sincronismo dell’estro delle femmine, la formazione di nuovi branchi sulle aree agricole. La caccia al cinghiale determina l’allevamento del cinghiale allo stato brado a spese degli agricoltori. La Regione Piemonte ancora una volta ha anteposto l’interesse del mondo venatorio alla tutela dei coltivi e dell’ambiente naturale. D’altra parte è noto che la diffusione del cinghiale è imputabile al mondo venatorio che non ha alcun interesse a ridurre la presenza del cinghiale sul territorio. Anche il sottosegretario alla Sanità Andrea Costa nel suo intervento ha sposato nell’occasione la causa dei cacciatori ignorando strategie utili ad affrontare positivamente il “problema cinghiali”.

Le associazioni ambientaliste e animaliste hanno proposto un approccio diverso, a partire dal divieto di attività venatorie con l’uso dei cani, l’esclusione dei cacciatori dalle attività di controllo, il potenziamento degli organici dei dipendenti di Città Metropolitana e Province, l’avvio di sperimentazione e di possibili azioni anticoncezionali con l’ormai disponibile Gonacon. Siamo certi che le nostre proposte non verranno prese in considerazione viste le intenzioni del mondo venatorio e degli ambienti regionali di realizzare una “filiera della carne di cinghiale”, naturalmente a spese degli agricoltori. Solo CoAARP (Comitato Amici degli Ambienti Rurali Piemontesi) ha preso posizione contro l’utilizzo dei cacciatori chiedendo l’incremento delle guardie dipendenti dalle Province.

Il Tavolo Animali & Ambiente è preoccupato  per questa situazione che non porterà di certo a soluzioni utili a risolvere il problema.

 

(22 luglio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Pubblicità

ALTRI ARTICOLI

Teatro Popolare Europeo in scena con “Santo bucato!”, il 7 dicembre

di Redazione Torino Mercoledì 7 dicembre alle ore 21 a Casorzo (AT) nel Salone Verdi ci sarà lo spettacolo...

Convegno “Mafie, corruzione e ruolo degli Enti locali”

di Redazione Aosta Domani, martedì 6 dicembre 2022, alle ore 14.30, la sala Maria Ida Viglino di Palazzo regionale, ad...

Al Teatro Alfieri di Asti “La Scimmia” di Giuliana Musso, l’11 dicembre

di Redazione Spettacoli La Stagione 2022/2023 del Teatro Alfieri, realizzata dal Comune di Asti in collaborazione con la Fondazione...

Trolley Festival, il 4 dicembre a Torino le vetture storiche del trasporto tranviario

di Redazione Il Trolley Festival, evento torinese che si colloca tra le maggiori manifestazioni tranviarie a livello mondiale, con...