Pubblicità
12 C
Torino
8.3 C
Aosta
19.7 C
Roma
PubblicitàLenteContatto.it
Pubblicità
HomeNotizieScrivere Giorgia come se essere “del popolo” dipendesse dal vestito, diciamo

Scrivere Giorgia come se essere “del popolo” dipendesse dal vestito, diciamo

Pubblicità
GAIAITALIA.COM TORINO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa

Mica ti si può dire, adorabile elettore meloniano, che cosa pensa la tua musa dell’Europa. Mica ti può dire che che pur raccontandoti che ci sarà più Italia in Europa e non il contrario, son già tutti genuflessi, giù a Roma, perché senza Europa l’Italia è morta e probabilmente solo per quello si tiene a bada, finché dura, la pulsione autocratica che scalpita nell’algido cuore della coalizione della Giorgia del popolo che apparterrà sempre al popolo (perché è proprio il popolo a potersi permettere prime della Scala con quegli abiti da mercatino dell’usato); mica ti possono dire, dalla granitica destra che decide come un uomo solo, che c’è aria di rimpasto pesante nell’area di governo con possibilità che al momento nemmeno puoi immaginare tu che vivi di luce riflessa regalata magnanimamente dall’autocelebrantesi regina d’Italia; mica ti può dire che sei già all’ennesima austerità perché il suo governo dei miracoli prenderà altri soldi dalle tue tasche dopo che ti ha promesso miracoli e tu ci sei cascato.

Sembra volere dire questo, la donna del popolo che sempre sarà del popolo (come si nota dalla foto in alto dalla prima della Scala in compagnia di tutte le sue amiche popolane che generalmente vanno in giro con abiti simili al suo, perché ripetere giova), ma non lo può dire. Ma, adorabile elettore meloniano che ti perdi nel ceruleo azzurro della tua musa, mica ti puoi lamentare, perché ci sei cascato una volta – nemmeno troppo tempo fa – e ora te la godi, la musa che è anche IL presidente. Questo sembra voler dire con le sue continue giravolte. Poi è colpa dei comunisti – che secondo un suo ministro hanno addirittura governato l’Italia facendone una dittatura (quando? l’unica volta che il PCI fu maggioranza nel paese è stata dopo la morte di Berlinguer e il PCI al governo non c’è mai stato da quando esiste la Repubblica) – e dei giornalisti, e dei quotidiani che fanno opposizione, e poi dell’Europa, e poi della sfiga, e poi della cattiveria della gente.

Ma i soldi che tu paghi, di tasca tua, a causa di incapacità e promesse non mantenute escono dalle tue tasche, o amico elettore della donna del popolo che sempre sarà del popolo. Questo è. Se non piace pazienza. Toccherà pensarci prima la prossima volta.

 

 

(2 maggio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Torino
cielo coperto
12 ° C
13.7 °
10.4 °
78 %
1.3kmh
96 %
Dom
14 °
Lun
21 °
Mar
20 °
Mer
20 °
Gio
20 °
PubblicitàAttiva DAZN

LEGGI ANCHE