Home » copertina » 1527 feriti non bastano ad Appendino per fermare la narrazione sul “buco” di Piero Fassino, così lui risponde in video

1527 feriti non bastano ad Appendino per fermare la narrazione sul “buco” di Piero Fassino, così lui risponde in video

Foto: ANSA / MATTEO BAZZI

di Giovanna Di Rosa

 

 

 

Siccome in qualche modo Chiara Appendino deve uscire dal buco nero scavatole dalla tragedia del 3 giugno in piazza San Carlo e i 1527 feriti, tra i quali qualcuno ancora grave, sono un fardello difficile da sopportare, eccola di nuovo alle prese con la narrazione delle colpe di Piero Fassino e del famoso “buco” che non c’è.

C’è una tale insopportabile miscela di disinteresse, arroganza, incultura istituzionale, presunzione da bocconiana figlia di papà e prosopopea adolescenziale nella narrazione inconcludente della Sindaca di Torino che anche parlarne comincia a diventare stucchevole, ma come esimersi dal commentare le vicende della prima cittadina di una delle città più importanti d’Italia che di fronte ad una tragedia come quella del 3 giugno tutto ciò che è riuscita a dire è stato “Qualcosa è andato storto” e dopo pochi giorni ha “trombato” la sua assessora all’Ambiente per mettere a tacere i suoi che reclamavano una poltrona? Come si può stare zitti di fronte alle scelte di una Sindaca inconcludente che subito dopo una tragedia della portata di quella del 3 giugno, provocata da una serie di superficialità senza fine, anche da parte di Appendino che ha ignorato le misure consigliate dal Capo della Polizia, tutto ciò che è riuscita a fare è stato prendersela con gli abusivi – che non sono stati del tutto privi di responsabilità nella sua elezione a Sindaca? Come tacere di fronte ad un’amministrazione che, nonostante la tragedia del 3 giugno sia ancora lì che aspetta risposte, non ha più detto una parola e ciò che ha fatto è stato continuare a perpetuare la narrazione del “buco nei conti” lasciato da Piero Fassino, buco che non esiste? Non si può stare zitti. Tanto che anche Piero Fassino ha deciso di rispondere. E lo ha fatto con un breve video.

 

Non è la prima volta che Appendino-Pinocchio si inventa responsabilità che non ci sono. Così come non è la prima volta che lo fa la sua giunta – quasi infantile la gioia dell’Ass.Giusta per un premio alla Città di Torino del quale si assumeva i meriti anche se la decisione di partecipare a quel concorso l’aveva presa la giunta di Fassino – e nemmeno in un post elezioni che ha visto il M5S scomparire a livello locale pur rimanendo una forza radicata a livello nazionale, Appendino viene meno alla sua tendenza, che è tipica degli elettori che il M5S rappresenta, di scaricare le responsabilità sugli altri.

La questione del governo a 5Stelle a Torino dopo il 3 giugno si ripropone in tutta la sua drammaticità – ed incapacità di amministrare. Dalla distruzione di simboli culturali della Città (come ad esempio il Festival da Sodoma a Hollywood trasformato in un festivalino parrocchiale con una programmazione imbarazzante), al Jazz Festival rimpiazzato da una tre giorni che non compete nemmeno con se stessa, ai 1527 feriti del 3 giugno che ancora aspettano una Appendino che dica qualcosa di sensato e si assuma tutte le responsabilità del caso. Temiamo che dovranno aspettare ancora per molto. Del resto cosa dire di una sindaca come Appendino era stata definita la super-sindaca perché si era tenuta per sé quattro deleghe, tra le quali quella sulla sicurezza, se non che in ogni novizio c’è tanta arroganza?

Non è proprio stato l’anno di governo che Appendino aveva promesso e che i torinesi avevano immaginato votando l’ennesima Sindaca inconcludente del M5S che rappresentava (dioveva rappresentare?) “il cambiamento”.

 

 

(14 giugno 2017)

 





 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi