Home » Comune di Torino » Torino, proposta convenzione con GTT e Infrato sul debito pregresso

Torino, proposta convenzione con GTT e Infrato sul debito pregresso

di Gaiaitalia.com, #Torino

 

 

 

Nell’ambito della manovra di assestamento triennale è stato proposto di stipulare una convenzione con Gtt e InfraTO per l’estinzione in dieci anni dei debiti pregressi scaduti, (quelli fino al 31 dicembre 2017). Per estinguerli Palazzo Civico ha individuato di pagare nel 2017 gli importi già stanziati a bilancio (18 milioni e 852 mila euro per InfraTo e 3,5 milioni di euro per Gtt) e, ogni anno a partire dal 2018, 2,6 milioni di euro a Gtt e 3,8 milioni di euro a InfraTo. In questo modo verrà risolta la questione sui debiti con le due partecipate, peraltro come richiesto dalla Corte dei Conti nell’ultima pronuncia del giugno 2017 sul rendiconto 2015.

Per quanto riguarda le operazioni di riequilibrio di bilancio, è prevista una riduzione, in via precauzionale, degli oneri di urbanizzazione per 6 milioni e 325 mila euro: una diminuzione delle entrate che per l’anno in corso comporta, per la parte corrente,  economie di spesa per 5,4 milioni sulla disponibilità residua degli interessi sull’anticipazione di tesoreria (operazione possibile a seguito di una nuova norma nazionale di contrasto all’anatocismo) e di 600mila euro di riduzioni su capitoli vari. Per quanto concerne la spesa in conto capitale, è prevista una riduzione di 325 mila euro su quanto destinato alle manutenzioni straordinarie.

Inoltre sugli atti i Revisori dei Conti hanno espresso parere favorevole con due osservazioni su Ream e sulla copertura del disavanzo del Rendiconto 2016.



Sulla vicenda Ream, l’Amministrazione non si è espressa in sede di riequilibrio di bilancio perché il Consiglio comunale ha già deliberato per l’anno 2018 uno stanziamento di 5 milioni e 266mila euro destinato a rimborsi Ream, con parere favorevole dal Collegio dei Revisori. L’allocazione di tale debito sul bilancio 2018 è supportata da una lettera di Ream che esprime parere favorevole al pagamento nel 2018. Il disavanzo del rendiconto 2016, originato dal riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi, viene ripianato in 30 anni sulla base della normativa speciale vigente in materia. La Città di Torino stanzia infatti annualmente 11,2 milioni di euro a copertura della quota annuale.

Questi, in sintesi, i contenuti delle delibere relative alle manovre di riequilibrio e assestamento del bilancio previsionale per gli anni 2017/2019, approvate dalla Giunta questo pomeriggio e che dovranno ora passare al vaglio del Consiglio comunale per il sì definitivo, così come sono giunti in redazione grazie ad un comunicato stampa di Palazzo Civico. Comunicato che specifica trattarsi di proposte e non di decisioni definitive.




 

(26 luglio 2017)

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

1 Commento

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi