“Se vinciamo stop alla TAV”, propaganda elettorale di Di Maio con Appendino consenziente

SHARE

di G.G., #Torino

 

 

Eccolo Luigino Di Maio candidato premier del M5S in azione. Eccolo in tutto il suo medievale “riformismo del no a tutto” spalleggiato da “Quella Brava” che a Torino, lo scorso 11 settembre, è salita sul palco insieme al Re della Sgrammatica in uno dei tanti incontri ad uso interno che il M5S fa con risorse e tempo tolto ai cittadini, la maggioranza, che non li hanno votati e che vorrebbero un governo, invece di un’armata brancaleone della contro-riforma.

Dunque se il M5S arriverà al Governo bloccherà la Torino-Lione : questa è solo la prima delle affermazioni di Di Maio; la prima di una lunga serie di utilissime boutade che faranno bene [sic] soprattutto all’economia. E non è a caso che il senatore Pd Stefano Esposito si chieda in un post su Facebook se qualcuno ritiene “utile spiegare ad Appendino che l’alta velocità Torino-Lione è un’opera che può garantire crescita, occupazione e sviluppo per questo territorio?” provocando la reazione di imprenditori e categorie professionali affinché “battano un colpo” a proposito della dichiarazione di Luigi Di Maio delle foto sott’acqua.

Appendino si è spellata le mani applaudendo la sortita anti-Tav ad uso elettorale di Luigino Ex Webmaster, in quelli che Esposito ha definito “gli applausi convinti del sindaco Appendino”. Esposito dice di essere interessato a capire cosa pensino “i rappresentanti delle associazioni di rappresentanza di Torino e del Piemonte che da sempre sostengono l’opportunità della Torino-Lione, di fronte a questo programma elettorale e soprattutto se intendono far arrivare al Sindaco di Torino un messaggio critico rispetto a questa ipotesi“. Esposito si riferisce a Dario Gallina che presiede l’Unione industriale, Alessandro Cherio di Ance o Vincenzo Ilotte presidente della Camera di commercio, e ancora referenti di Cna Torino e Piemonte insieme a molti altri, molti dei quali caduti nel canto ammaliatore di “Quella Brava” salvo poi accorgersi dell’inconsistenza politica di quest’ultima? Sembra un invito a voltare le spalle alla Sindaca che dopo il 3 giugno ha smesso di governare e prima faceva finta, lavorando con le delibere della giunta Fassino sconfitta un anno prima.

O, per dirla in modo crudo, voglia evitare di cascarci ancora.

 




 

(12 settembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata



Pubblicità

ALTRI ARTICOLI

…Quegli “pseudo-politicanti”, come da definizione da social, non sono finiti in parlamento grazie a un colpo di stato….

di Paolo M. Minciotti A seguito della decapitazione del M5S da parte di Luigi Di Maio, con l'ex Sindaca Chiara...

Controlli straordinari della Polizia di Stato a Barriera Nizza

di Redazione Torino Negli scorsi giorni,  su disposizione del Questore di Torino, anche in risposta alle segnalazioni pervenute dal...

Contributi per iniziative istituzionali. Aperto il bando della Regione Piemonte

di Redazione Piemonte E’ pubblicato da oggi, 23 giugno, il bando per la presentazione della domanda di contributo ai...

Iveco, una buona notizia per la transizione ecologica dell’industria piemontese

di Redazione Politica L’annuncio di IVECO BUS di voler tornare a produrre Autobus in Italia e a Torino é...