Home » Comune di Torino » Torino, sulla Mobilità la giunta ci mette le gambe e tante promesse

Torino, sulla Mobilità la giunta ci mette le gambe e tante promesse

di Mirko Saporita, #Torino

 

 

Oggi con noi in Sala delle Colonne, in rappresentanza della giunta, gli Assessori Pietra e Giusta hanno riportato quanto avverrà dal 16 al 22 settembre, la cosiddetta Settimana Europea della Mobilità Sostenibile a Torino.

Annunciata la firma al Protocollo di Intesa delle 8 circoscrizioni cittadine, un traguardo ritenuto fondamentale per la pedonalizzazione delle aree urbane. Si è poi parlato nello specifico di piazza Carducci e dello sforzo riassunto dal tema “Sharing” col binomio mezzi di trasporto e uso dello spazio urbano, mentre il 18 settembre verrà presentata alla cittadinanza la nuova flotta di Bus elettrici della compagnia pubblica GTT, in piazza Castello. La Giunta stessa ci mette le gambe inaugurando la pista ciclabile in corso Orbassano, il 20 settembre.

Nelle prime due giornate Borgo Campidoglio si animerà con la collaborazione della Cooperativa S&T e il finanziamento del Progetto Living Street, cui si aggiungerà la partecipazione di alcuni migranti residenti a Torino. Tutte premesse che fin qui sembrano molto positive; purtroppo non esiste futuro senza una reale cultura del passato. Questo per il bene dei cittadini emerge dalle poche voci presenti alla presenzazione, fra cui “Eco dalle città”, “Bici & Dintorni” e naturalmente noi redattori torinesi di Gaiaitalia.com Notizie. L’assessora Pietra si è trovata a dover rispondere a quesiti ancora una volta irrisolti: la mancata pedonalizzazione del centro, la Giunta che mette a disposizione dei contribuenti una sola area ZTL per gli eventi… Di fatto nessuna promessa o presa di posizione su quel che sarà della sostenibilità urbana, al termine dell’evento.

Noi che crediamo che sostenibile sia sinonimo di sicurezza, non possiamo accontentarci della promessa di campagne -nelle scuole- di formazione civica e stradale, seppur riteniamo questo un valido inizio. Assente una linea dura contro il fenomeno in costante crescita del furto di biciclette, che già nel 2013 superava le 20mila unità. È stata per ora garantita una collaborazione con RFI Torino, TObike e Trenitalia per posteggi più sicuri.

La strada da fare è ancora lunga, speriamo di non incappare nella solita rotonda…

 




 

(13 settembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



Lascia un Commento

Server dedicato

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi