Paolo Furia sulle elezioni in Spagna

SHARE

di Redazione #Torino twitter@torinonewsgaia #Politica

 

Il voto spagnolo di domenica ci consegna un primo dato incontrovertibile: il successo elettorale del Partito socialista. Si tratta di un dato di speranza, indipendentemente da ogni valutazione sulla governabilità della Spagna. Ciò che conta innanzitutto rilevare è che in Europa la sinistra non solo non è morta, ma può essere competitiva.
In Slovacchia, la vittoria della democratica Zuzana Caputova alle elezioni presidenziali rompe il cosiddetto “fronte di Visegrad”, tanto amico di Salvini, ma responsabile di tutti gli atteggiamenti più rigidi e meno collaborativi in Europa anche a danno dell’Italia (per esempio, essendosi i paesi di Visegrad contrapposti alla redistribuzione equa dei richiedenti asilo).
In Portogallo, la pesante crisi economica è stata affrontata dal governo rosso di António Costa attraverso misure di redistribuzione della ricchezza completamente inverse rispetto alle politiche fiscali previste da Salvini, migliorando indici di produttività, livello salariale e benessere diffuso.
Questi risultati ci dicono che si può uscire dalla crisi, dalla sfiducia, dall’isolamento, senza cedere alle tentazioni sovraniste incarnate dalla Lega. Occorre però che i democratici, i socialisti, i riformisti del nostro Paese facciano ciò per cui sono nati: combattere le ingiustizie, stare dalla parte dei bisogni, fornire risposte ragionevoli – ma radicali, alle nuove domande di protezione sociale e di protagonismo civico. A proposito di questo, non sottovalutiamo il fatto che Salvini abbia avuto una piazza vuota a Torino, ma una piazza piena a Biella. Nel mondo in cui viviamo, le piccole province e i territori di montagna sono più distanti dai centri in cui si aggregano i capitali, esperienze culturali e opportunità, rischiando di essere marginalizzate. Sta anche al PD invertire una tendenza che vede la Lega trionfare in tutto il cosiddetto Piemonte 2. Non basta ricordare che la Lega è inaffidabile e capace solo a intercettare i malumori ma non a risolvere i problemi, dobbiamo essere noi a mettere in campo una vera politica di connessione, cooperazione tra territori, e attrazione di risorse e di investimenti per evitare la marginalizzazione dei territori extra-urbani.

 

Così, in un comunicato stampa inviato alla nostra redazione, il segretario regionale del PD piemontese, Paolo Furia, sulle recenti elezioni generali in Spagna.

 

 





 

(29 aprile 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

Pubblicità

ALTRI ARTICOLI

Chiude d Asti “Acerbi al Parco”, spettacoli e performance in parchi e orti urbani della città

di Redazione Spettacolo Il Teatro degli Acerbi conclude la nuova rassegna ad Asti "Acerbi al Parco", spettacoli e performance...

Torino: ricercato arrestato dalla Polizia di Stato

di Redazione Torino Era irreperibile da tempo, il cittadino liberiano di 47 anni sul quale pendeva un ordine di esecuzione...

Spazio Kor ha presentato la nuova stagione 2022 – 2023

di Redazione Cultura “Nodo Piano” è la nuova stagione teatrale realizzata da Spazio Kor all’interno della Rete PATRIC con Città di...