Home » notizie » Torino, condannati a 10 anni i ragazzi che provocarono la tragedia di piazza San Carlo

Torino, condannati a 10 anni i ragazzi che provocarono la tragedia di piazza San Carlo

di Redazione #Torino twitter@torinonewsgaia #Cronaca

 

Dieci anni di carcere per i quattro responsabili del disastro di piazza San Carlo del 3 giugno 2017. L’accusa per i quattro giovanissimi è omicidio preterintenzionale, lesioni, rapina e furto. Per l’accusa i quattro utilizzarono lo spray al peperoncino per derubare i presenti, tesi che non trova affatto d’accordo l’avvocato che li difende.

In ogni caso una bravata che provocò 1.672 feriti e due morti, Erika Pioletti e Marisa Amato decedute in seguito alle lesioni riportate.

Il giudice Maria Francesca Abenavoli, scrive Repubblica, ha condannato in abbreviato (quindi con lo sconto di un terzo della pena) a 10 anni e 4 mesi Sohaib Boumadaghen detto «Budino», Hamza Belghazi, Mohammed Machmachi. A 10 annni e 3 mesi di reclusione Es Sahibi Aymene che non era accusato del furto. I quattro imputati sono in carcere da aprile 2018 e durante la sentenza è stata anche rinnovata l’ordinanza di custodia cautelare che sarebbe scaduta a breve.

I quattro restano in cella in attesa del processo d’appello. Per il quinto complice, all’epoca minorenne, in attesa di giudizio, sta procedendo il tribunale dei minori.

 

 





 

(17 maggio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

 





 

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi