Pubblicità
3.8 C
Torino
-3.5 C
Aosta
13.7 C
Roma
PubblicitàSouvenir Box - Forst
Pubblicità
HomeNotizieTorino festeggia il centenario di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento Focolari

Torino festeggia il centenario di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento Focolari

di Redazione, #Torino twitter@torinonewsgaia #Cultura

 

Il 22 gennaio 2020 ricorre il centenario della nascita di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, promotrice di dialogo tra religioni e culture, premio Unesco per l’educazione alla pace e premio Diritti Umani del Consiglio d’Europa, nonché cittadina onoraria di Torino dal 2002.

Celebrare per incontrare è il titolo scelto per questo centenario durante il quale in tutto il mondo si organizzano numerosi eventi.
Per approfondire il messaggio di Chiara Lubich in ambito socio-politico il Movimento dei Focolari, attraverso il Centro Regionale del Movimento Politico per l’Unità, organizza il convegno:

Crisi della democrazia: la sfida della fraternità.

Sabato 8 febbraio alle ore 10,00 – 13,00

presso la Sala del Consiglio del Politecnico di Torino, Corso Duca degli Abruzzi 24.

Un’occasione per riflettere su quello che è stato definito “il principio dimenticato” fra i tre che hanno aperto la modernità. Interverrà il prof. Antonio Maria Baggio, ordinario di filosofia politica all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), uno dei maggiori studiosi a livello mondiale del principio di fraternità, su cui lavora in collaborazione con numerose università dei diversi continenti, in particolare dell’America Latina.

Altre occasioni per ricordare insieme la figura di Chiara Lubich saranno:

Martedì 18 febbraio alle ore 19,00

Santa Messa solenne celebrata da Sua Eminenza Vescovo Cesare Nosiglia nel Duomo di Torino

La Santa Messa sarà animata dal complesso internazionale Gen Rosso.

Sabato 22 febbraio alle ore 21,00

Concerto LIFE

GEN ROSSO International Performing Arts Group

Auditorium Santo Volto – via Borgaro 1 – Torino

 

 

 

(6 febbraio 2020)

@gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata