Home » notizie » Diciannove le misure cautelari eseguite dalla Digos di Torino

Diciannove le misure cautelari eseguite dalla Digos di Torino

Immagine di repertorio

di Redazione #Torino twitter@torinonewsgaia #Cronaca

 

Nelle prime ore della mattinata odierna, la Polizia di Stato di Torino ha eseguito 19 misure cautelari nei riguardi di diversi militanti di Askatasuna, alcuni anarchici e studenti dei collettivi universitari, responsabili, a vario titolo, dei reati di rapina, resistenza a pubblico ufficiale, minaccia ad incaricato di pubblico servizio, violenza privata e danneggiamento, aggravati.

In particolare, personale della DIGOS di Torino – nell’ambito di un’attività di coordinamento della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, anche tramite le DIGOS di Trieste, Brescia, Udine e Cuneo –  ha eseguito 3 misure cautelari degli “Arresti Domiciliari”, nei confronti dei tre principali referenti del “C.U.A. – Collettivo Universitario Autonomo” (articolazione di Askatasuna): si tratta di Stefano Millesimo di 21 anni, Eugenio Tradarti, 23enne e del venticinquenne Nicola Martino i quali, dalle indagini, sono risultati essere i coordinatori delle azioni violente.

Destinatari, invece, della misura cautelare del “Divieto di Dimora a Torino” sono :

C.R., di 23 anni, A.J., di 21 anni, L.F., di 42 anni2 F.A., di 25 anni, M.D. di 27 anni(tutti di Askatasuna), F.A. di 26 anni, G.M.F. di 27 anni  (Ex Asilo).

Colpiti, infine, dalla misura cautelare dell’“Obbligo di Presentazione Quotidiana alla P.G.”: M.N., di 26 anni, P.C., di 27 anni, R.G.A. di 27 anni, I.M. di 27 anni (tutti di Askatasuna), S.M. di 28 anni, W.A. di 25 anni (Ex Asilo), T.F. di 20 anni, S.E. di 22 anni, D.F. di 20 anni (collettivi universitari).

I fatti risalgono allo scorso 13 febbraio, quando, in occasione di un volantinaggio effettuato da esponenti del FUAN sulla tematica delle Foibe all’esterno della Palazzina Einaudi, una quarantina di antagonisti e studenti ha circondato i reparti mobili della Polizia di Stato posti a tutela dei giovani del FUAN, mentre una decina di facinorosi si è introdotta all’interno del plesso universitario e, dopo aver aggredito due guardie giurate con calci e spintoni, ha sfondato la porta di accesso dell’aula “Paolo Borsellino” assegnata ai rappresentanti del FUAN, danneggiando diversi arredi.

Subito dopo, gli stessi hanno raggiunto il gruppo all’esterno dove, nel frattempo, erano giunti altri 20/30 militanti d’area, insieme ai quali tentavano ripetutamente di entrare in contatto con i giovani del FUAN; uno di questi ultimi è stato colpito con un calcio sferrato dall’antagonista CATTINI Samuele di anni 23, immediatamente bloccato da personale della Digos, circostanza questa che provocava l’immediata reazione dei sodali, che hanno tentato ripetutamente di sottrarlo con la violenza alle forze dell’ordine.

Successivamente, all’atto del trasporto del fermato presso la Questura, l’autovettura della Digos è stata circondata da una quarantina di facinorosi, i quali hanno colpito ripetutamente il mezzo con calci e pugni nel vano tentativo di far desistere gli operatori di Polizia dall’arresto, i quali, poco dopo, nel tentativo di allontanare i facinorosi, sono stati spintonati dagli antagonisti che continuavano nella loro condotta violenta colpendo alcuni operatori con calci, rovesciando nel contempo diversi cassonetti dei rifiuti dinanzi l’auto di servizio, lanciandone anche alcuni all’indirizzo delle forze dell’ordine.

Nell’occorso, personale della Digos ha bloccato le due militanti di Askatasuna, Maya Boris Peverelli, di 23 anni e la ventottenne Carola Blue Grechi, traendole in arresto per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Durante gli scontri rimanevano feriti 8 appartenenti alle Forze dell’Ordine con ferite guaribili da 5 a 30 giorni. Inoltre, il giorno successivo, il 14 febbraio, al termine di un corteo di protesta effettuato nel centro cittadino da militanti antagonisti ed aderenti ai collettivi studenteschi universitari per solidarizzare con gli arrestati, è stata nuovamente rioccupata ed ulteriormente vandalizzata l’aula del FUAN con sottrazione anche di alcuni arredi; il fatto è avvenuto dopo aver, tra l’altro, minacciato una guardia giurata posta a vigilanza del predetto locale ed aver apposto una nuova serratura al fine di impedire la riappropriazione dell’aula, sequestrata, nei giorni successivi, dalla Digos di Torino in esecuzione di un provvedimento della Procura della Repubblica di Torino.

A seguito delle indagini della Digos sono stati, altresì, individuati e denunciati altri 9 militanti d’area per analoghi reati, mentre è ancora al vaglio degli inquirenti la posizione di altri 8 fra i responsabili.

Durante l’esecuzione delle 19 misure cautelari è stata anche perquisita e sequestrata, su delega dell’Autorità Giudiziaria di Torino, la storica aula “C1” occupata dal “C.U.A.” all’interno del Campus Einaudi.

 

(23 luglio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi