Condannato a otto mesi per truffa il figlio di Umberto Bossi

SHARE

di Redazione #Novara twitter@torinonewsgaia #maiconlalega

 

Aveva ordinato due moto d’acqua del valore di 33mila euro dicendo di agire per conto della Carpenteria M.L. Metal di Castelletto Ticino, che ha magazzini a Oleggio, e non le aveva mai pagate. E’ stato così condannato per truffa a otto mesi di reclusione il figlio maggiore di Umberto Bossi, Riccardo Bossi, 41 anni. I fatti risalgono al 2014.

La condanna è stata inflitta dal tribunale di Novara.

Scrive La Stampa che “al fornitore era stato consegnato un assegno riferito a un conto estinto, intestato al coimputato Calogero Plantera, sessantenne la cui posizione è stata stralciata e sospesa perché irreperibile. Dalla carpenteria era partita la denuncia: moto e soldi non sono mai stati recuperati”.

Riccardo Bossi ha respinto gli addebiti.

 

(25 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 



Pubblicità

ALTRI ARTICOLI

Trolley Festival, il 4 dicembre a Torino le vetture storiche del trasporto tranviario

di Redazione Il Trolley Festival, evento torinese che si colloca tra le maggiori manifestazioni tranviarie a livello mondiale, con...

L’inverno ucraino potrebbe spingere nuovi profughi in Piemonte

di Pa.M.M. La Regione Piemonte sta attrezzandosi per accogliere nuovi profughi dall'Ucraina che, a causa delle condizioni di vita...

Due ricercati arrestati dalla Polizia di Stato

di Redazione Torino Il costante controllo del territorio effettuato dalle donne e dagli uomini della Polizia di Stato ha...

Furto aggravato. Un arresto a Torino

di Redazione Torino La collaborazione della cittadinanza con le forze di polizia ha consentito a personale del Comm.to di...