Home » notizie » Condannato a otto mesi per truffa il figlio di Umberto Bossi

Condannato a otto mesi per truffa il figlio di Umberto Bossi

di Redazione #Novara twitter@torinonewsgaia #maiconlalega

 

Aveva ordinato due moto d’acqua del valore di 33mila euro dicendo di agire per conto della Carpenteria M.L. Metal di Castelletto Ticino, che ha magazzini a Oleggio, e non le aveva mai pagate. E’ stato così condannato per truffa a otto mesi di reclusione il figlio maggiore di Umberto Bossi, Riccardo Bossi, 41 anni. I fatti risalgono al 2014.

La condanna è stata inflitta dal tribunale di Novara.

Scrive La Stampa che “al fornitore era stato consegnato un assegno riferito a un conto estinto, intestato al coimputato Calogero Plantera, sessantenne la cui posizione è stata stralciata e sospesa perché irreperibile. Dalla carpenteria era partita la denuncia: moto e soldi non sono mai stati recuperati”.

Riccardo Bossi ha respinto gli addebiti.

 

(25 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 



Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi