-2.6 C
Torino
sabato, Novembre 27, 2021
Pubblicità

Salvini che negava il Covid19, chiede ed ottiene il rinvio del processo per vilipendio alla magistratura, causa Covid19

di Daniele Santi #Politica twitter@torinonewsgaia #Maiconsalvini

 

Ricorderete che per Matteo Salvini il Covid-19 non esisteva, era qualcosa che portavano gli immigrati – che sono nella stragrande maggioranza negativi al tampone quando arrivano in Italia, e sono ipercontrollati – e solo il contagio di Silvio Berlusconi convinse lui e la sua compare Meloni a cambiare atteggiamento verbale nei confronti della pandemia.

Ma Salvini non può sottrarsi al suo essere salvini e quindi prontamente cambia direzione e chiede ai giudici di rinviare il suo processo causa Covid-19, troppo pericoloso: rischierebbe di infettarsi. La foto in alto testimonia infatti l’estrema prudenza che Salvini mette in atto a salvaguardia sua e degli altri ed è quindi giusto che non vada a processo se c’è il rischio di infettarsi, rischio che invece non esiste quando si presenzia a comizi senza mascherina o si fanno selfie in spiaggia radunando i pochi fan festanti ché un selfie col Capo val bene un contagio.

Salvini chiede così, ottendendo il rinvio, di posticipare il processo per vilipendio della magistratura. In un comizio aveva definito le toghe “Schifezza e cancro da estirpare”. Salvini doveva andare a processo il 19 ottobre.

 

(18 ottobre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,740FansMi piace
2,382FollowerSegui
124IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE