14 C
Torino
sabato, Settembre 25, 2021
Pubblicità

Grillini (Gaynet): “No a Ddl Salvini-Renzi. Italia Viva toglie voti a Legge Zan e propone compromesso impraticabile”

di Redazione, #LGBTIQA+

“Che Salvini sia affidabile sul ddl Zan non ci crede nessuno, visto che ha appena firmato il manifesto completamente omofobo dei sovranisti di Orbán e ha da sempre fatto guerra aperta a questa legge insieme a Fratelli d’Italia. Il presunto accordo Italia Viva-Lega sulla Legge Zan è del tutto nebuloso, incomprensibile e soprattutto impraticabile.  Oltre alla totale inaffidabilità di Salvini, si propone infatti di introdurre i concetti di omofobia e transfobia che non esistono nella giurisprudenza italiana e internazionale e quindi sarebbero immediatamente bocciati al vaglio della Corte Costituzionale. Questo punto è noto ormai da 10 anni, possibile che Renzi e Salvini non lo sappiano? Noi siamo invece convinti che lo sappiano e che si stiano assumendo la responsabilità di affossare questa legge”.

Lo afferma Franco Grillini presidente di Gaynet in un comunicato stampa.

“Proporre di ricominciare dal ddl Scalfarotto – prosegue Grillini – come adesso propone Renzi, significa partire sconfitti in partenza da un provvedimento rifiutato dall’intero movimento, che indeboliva la legge Mancino e che garantiva sacche di omofobia. Infine, la smetta Salvini di parlare di bambini, perché se vuole parlare di questo pericolo si deve piuttosto rivolgere al al Vaticano per la mole assurda si scandali sessuali che commentiamo ormai da anni. Bisogna smetterla  – conclude Grillini – di agitare la scuola come se fosse proprietà privata della destra e del Vaticano: la scuola è pubblica cioè di tutti e tutte, deve quindi garantire l’inclusione e il rispetto di ogni persona, punto fine”.

 

(5 luglio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,636FansMi piace
2,369FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE