Pubblicità
0 C
Torino
-3.8 C
Aosta
9.1 C
Roma
PubblicitàSouvenir Box - Forst
Pubblicità
HomeNotizieAppendino, quella brava, è indagata. A Palazzo Civico non sanno nulla: non...

Appendino, quella brava, è indagata. A Palazzo Civico non sanno nulla: non è una novità

GAIAITALIA.COM TORINO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di G.G.

 

 

 

Indagata Chiara Appendino. Quella brava. Che bruti. La indagano così senza pudor insieme ad altri due indagati, perché non c’è due senza tre, che sono Maurizio Montagnese e Danilo Bessone, presidente e dirigente di Turismo Torino, la municipalizzata incaricata da Palazzo Civico di organizzare l’evento, quella del massimale assicurativo di 6 milioni di euro che saranno ben poca cosa. La maggior parte delle denunce giunte dopo i fatti del 3 giugno, scrive Repubblica, indicano Appendino come responsabile per i buchi nella sicurezza.

Le persone indagate potrebbero però crescere di numero perché magistrati ed investigatori della Digos, che indagano per lesioni e per omicidio colposo, oltre a cercare di individuare che cosa abbia scatenato la psicosi da attentato durante la finale Juventus-Real Madrid trasmessa in piazza San Carlo nella disgraziata sera del 3 giugno, stanno anche cercando di ricostruire la catena di comando che ha curato l’evento in tutte le sue fasi, dalla decisione di organizzarlo alla gestione della sua sicurezza.

A Palazzo Civico sono basiti e dicono di “non aver ricevuto nulla di ufficiale”, perché la cifra a 5Stelle è l’inconsapevolezza e per missione essi devono cadere dal pero, ma la notizia non coglie affatto di sorpresa: 1526 feriti ed un morto non sono cose da nulla soprattutto quando “qualcosa non ha funzionato”.

 

 

 

(29 giugno 2017)

 




 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

PubblicitàAttiva DAZN

LEGGI ANCHE