Ivrea, tre persone arrestate per spaccio

SHARE

di Redazione #Torino twitter@torinonewsgaia #Ivrea

 

Nell’ambito dell’attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Ivrea, nella mattinata di martedì 10 novembre 2020, personale della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Ivrea e Banchette, supportato da due team del Nucleo Cinofili della Questura di Torino, ha dato esecuzione a 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal G.I.P. del Tribunale di Ivrea nei confronti di due cittadini italiani e di un cittadino marocchino, residenti in Ivrea e nel Canavese, ritenuti responsabili di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti:

  • N.M., classe 1997;
  • V.C., classe 1999;
  • H.B., classe 2000.

Le articolate indagini svolte dal Commissariato di P.S. di Ivrea e Banchette, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Ivrea, sono durate circa 10 mesi e hanno consentito di delineare un grave quadro indiziario nei confronti degli indagati che sono risultati abitualmente dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti in Ivrea e nei comuni limitrofi.

Secondo l’ipotesi accusatoria, avvalorata dal G.I.P., gli indagati, inseriti stabilmente nell’ambiente dello spaccio eporediese, ponevano in essere le condotte illecite mediante appuntamenti concordati con i loro clienti telefonicamente o utilizzando piattaforme social per mettersi al riparo da eventuali intercettazioni telefoniche.

I luoghi di incontro venivano individuati, di volta in volta, all’interno di bar, sale giochi e discoteche della zona (gli esercenti sono risultati completamente estranei alle attività illecite), ovvero presso luoghi pubblici, come la Stazione Ferroviaria, abitualmente frequentati dai tossicodipendenti.

Numerosissimi i riscontri all’intensa attività di spaccio che non si è interrotta neanche durante il primo periodo di lockdown per l’emergenza epidemiologica da covid-19.

Gli indagati hanno palesato una spiccata caratura criminale.

N.M. nel mese di febbraio u.s. è stato tratto in arresto per detenzione e porto di un’arma clandestina di fabbricazione artigianale e di micidiale potenzialità.

A carico di V.C. è stata contestata anche l’aggravante di aver ceduto stupefacenti a soggetti minorenni.

Nell’ambito della complessiva attività di prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti sono state arrestate 6 persone in flagranza e sono stati sequestrati oltre 300 gr. di hashish e maijuana, 13 grammi di cocaina, una mitraglietta artigianale e 38 cartucce.

 

(13 novembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

ALTRI ARTICOLI

Trolley Festival, il 4 dicembre a Torino le vetture storiche del trasporto tranviario

di Redazione Il Trolley Festival, evento torinese che si colloca tra le maggiori manifestazioni tranviarie a livello mondiale, con...

L’inverno ucraino potrebbe spingere nuovi profughi in Piemonte

di Pa.M.M. La Regione Piemonte sta attrezzandosi per accogliere nuovi profughi dall'Ucraina che, a causa delle condizioni di vita...

Due ricercati arrestati dalla Polizia di Stato

di Redazione Torino Il costante controllo del territorio effettuato dalle donne e dagli uomini della Polizia di Stato ha...

Furto aggravato. Un arresto a Torino

di Redazione Torino La collaborazione della cittadinanza con le forze di polizia ha consentito a personale del Comm.to di...