Home » notizie » “Mio figlio è omosessuale e chirurgo”, e paga il “delinquente” per spezzargli le mani

“Mio figlio è omosessuale e chirurgo”, e paga il “delinquente” per spezzargli le mani

di Paolo M. Minciotti #Torino twitter@torinonewsgaia #Cronaca

 

Duemilacinquecento euro era il compenso pagato dal padre, la buona famiglia tradizionale foriera di tutti gli amori, per spezzare le mani al figlio omosessuale e chirurgo: per distruggerlo fisicamente e professionalmente dopo averlo insultato, minacciato, dopo averlo fatto pedinare. Ma il delinquente ingaggiato per il crimine si è tenuto i soldi ed ha avvisato la vittima dei buoni propositi del padre che viene denunciato.

Al buon padre è toccato infine patteggiare una pena a due anni, dopo essere stato divorato dall’odio verso il figlio che – nonostante l’omosessualità che lo rendeva evidentemente inferiore ai suoi occhi accecati dall’invidia e dal livore – aveva raggiunto a 40anni una posizione professionale riconosciuta come chirurgo. Ogni altra parola è inutile.

 

(16 dicembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi