Pubblicità
12.3 C
Torino
2.4 C
Aosta
13.1 C
Roma
PubblicitàSouvenir Box - Forst
Pubblicità
HomeLuci d'AfricaPerché il Piano Mattei del Governo Meloni sarà un fallimento

Perché il Piano Mattei del Governo Meloni sarà un fallimento

GAIAITALIA.COM TORINO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Ivan Remonato

Secondo l’art. 1 del Decreto Legge inerente, il Piano Mattei rappresenta un documento programmatico-strategico volto a promuovere lo sviluppo italiano nel continente africano, mediante l’individuazione degli ambiti di intervento e priorità, con focus, tra le altre, sulla promozione delle esportazioni e degli investimenti, sul potenziamento delle infrastrutture digitali, nonché la valorizzazione e lo sviluppo delle fonti rinnovabili e dell’economia circolare.

Vediamo i vari motivi per cui sarà un fallimento e come avrebbero dovuto impostarlo per ottenere risultati accettabili :

  • I fondi stanziati non sono assolutamente sufficienti per pensare di avere un impatto sul continente africano, l’Italia non è assolutamente in grado di affrontare da sola un intero continente, solo l’Europa potrebbe affrontare una simile sfida con l’ambizione di essere determinante, ed è lì che dovevano andare a proporre un Piano Mattei di livello europeo.
  • Non c’è sviluppo sostenibile senza democrazia, il governo Meloni continua a incontrare e legittimare diversi dittatori che tutto fanno tranne che porre in essere lo sviluppo delle proprie nazioni, si stanziano questi fondi pensando di frenare i flussi migratori, collaborando in gran parte con dei dittatori che, con le loro pessime scelte politico-economiche, sono la causa principale della fuga dei loro popoli dalle loro nazioni.
  • L’approccio è di stampo assistenziale, al contrario Enrico Mattei, introducendo il principio secondo cui i paesi proprietari delle risorse naturali avrebbero dovuto ricevere il 75% dei profitti, aveva un approccio volto alla creazione di ricchezza nelle nazioni africane che, se applicato su larga scala, avrebbe portato a un progresso molto più diffuso e stabile di quello attuale.
  • L’impostazione è da nazione che vorrebbe porsi come potenza neocoloniale, l’incontro andava organizzato presso la sede dell’Unione Africana, che attraverso Moussa Faki si è così espressa “ Non siamo stati consultati. Non siamo mendicanti e per i migranti non servono barriere securitarie “ , e non a Roma cercando di rivendicare un prestigio internazionale di fatto inesistente.

Col triste ruolo del facile profeta lo affermo sereno, tra quattro anni, tale è la durata del Piano Mattei, avremo buttato diversi miliardi di euro con risultati nulli o molto scadenti.

 

 

(19 febbraio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 



PubblicitàAttiva DAZN

LEGGI ANCHE