13.3 C
Torino
lunedì, Ottobre 25, 2021
Pubblicità

Piazza San Carlo, la Sindaca Appendino condannata a un anno e mezzo

di Redazione, #Torino

 

La sindaca di Torino Chiara Appendino è stata condannata a un anno e mezzo (rito abbreviato) per i fatti di piazza San Carlo. Il processo si riferisce ai fatti del 3 giugno 2017, quando un’ondata di panico collettivo tra la folla che stava assistendo alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid causò il ferimento di oltre 1600 persone e la morte di due donne: Erika Pioletti, deceduta in ospedale dopo una decina di giorni, e Marisa Amato, rimasta tetraplegica e spirata nel 2019. L’accusa aveva chiesto 1 anno e 8 mesi.

La Sindaca ha commentato: “Pago per il gesto folle di altri”. Errore. Gli “altri” sono dentro condannati a dieci anni, lei paga per omicidio, lesioni e disastro colposi. E non paga sola. Condannati con le stesse motivazioni e con la stessa pena anche il suo ex capo di gabinetto Paolo Giordana, l’allora questore Angelo Sanna, l’ex presidente di Turismo Torino (l’agenzia che prese in carico la creazione dell’evento) Maurizio Montagnese, ed Enrico Bertoletti, professionista che si occupò di parte della progettazione, come da articolo di Repubblica.

Immediatamente dopo la tragedia, Appendino quella sera non era a Torino, la Sindaca aveva attribuito diverse responsabilità e soltanto il 7 giugno aveva ammesso che qualcosa non aveva funzionato, qualcosa… 1527 feriti, cifra che il grillino Airola aveva anche avuto il coraggio di contestare. Una vicenda bruttissima. Purtroppo, indimenticabile non solo per Appendino.

 

(27 gennaio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,677FansMi piace
2,380FollowerSegui
120IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE